Skip to Content

PROGETTI E SERVIZI

Scuola gratuita di italiano per stranieri


La scuola di italiano per stranieri nasce nel giugno 2007, su esplicita richiesta di abitanti stranieri della zona, e trova subito la disponibilità di soci della Villa (insegnanti in servizio e in pensione e volontari in genere). L’obbiettivo è quello di offrire un servizio di alfabetizzazione e perfezionamento nell’uso della lingua italiana, convinti che un linguaggio comune sia il requisito primo per una  conoscenza reciproca e una civile convivenza.
Il primo ciclo (concluso nel giugno 2008) ha visto circa 25 volontari impegnati e più di 130 allievi inseriti. Gli incontri sono organizzati per livello secondo il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Le classi sono composte da un massimo di 15 allievi per scendere fino ad un rapporto uno a uno qualora ce ne sia la necessità. Ogni classe prevede un’insegnante qualificato titolare e due o tre supporter.
Nell’ultimo ciclo, ottobre 2010 – giugno 2011, gli iscritti, provenienti da 20 nazioni differenti, sono saliti a 195. A partire dal mese di febbraio abbiamo registrato un aumento esponenziale del numero di donne iscritte ai corsi, per un totale di 80 presenze, in prevalenza di origine egiziana. Ciò conferma il riconoscimento della scuola da parte delle donne sia come opportunità per migliorare la propria qualità di vita e il proprio livello di integrazione, sia come luogo d’incontro e di scambio al di fuori delle mura domestiche.  A tale proposito abbiamo istituito un servizio di babysitting  per permettere alle mamme di frequentare le lezioni al mattino portando con sé i bambini, senza che gli stessi siano motivo di disturbo o distrazione. A pochi giorni dall’avvio dell’iniziativa le richieste sono arrivate numerose per bambini in età compresa tra il mese e i 4 anni. La realizzazione di questo nuovo servizio è stata resa possibile anche grazie al valido supporto di nuove volontarie, 8 donne tra cui alcune pensionate, che hanno trovato nell’iniziativa nuovi stimoli e motivo di partecipazione. Un notevole aumento ha interessato anche il numero degli insegnanti volontari (attualmente 36), che continuano a svolgere il loro compito con grande passione, estrema professionalità e serietà.